ERRANI OK: GIA' 3 AZZURRE AL 2°T Martedì in campo Knapp e Schiavone

PARIGI - Buona la prima per Sara Errani al Roland Garros, secondo torneo dello Slam della stagione in corso sulla terra rossa di Parigi. La numero uno azzurra, testa di serie numero 17 - che nelle ultime tre edizioni dello slam francese ha infilato una finale (2012), una semifinale (2013) ed i quarti lo scorso anno - ha sconfitto per 76(2) 26 60 la statunitense Alison Riske, che aveva vinto l'unico precedente giocato sul cemento di Wuhan la scorsa stagione. Sara ha sofferto parecchio il vento ed ha rischiato di perdere un primo set dove è stata in vantaggio per 4-0 e che ha chiuso soltanto al tie-break (dominato per 7 punti a 2): un passaggio a vuoto nella seconda frazione ma nel terzo parziale non c'è stata storia. Al prossimo turno la 28enne romagnola troverà la tedesca Carina Witthoeft, 20 anni e numero 57 mondiale (nessun precedente).

Debutto amaro, invece, per Roberta Vinci: la 32enne tarantina, numero 42 Wta e reduce dalla finale persa a Norimberga, nel match che ha aperto il programma sul Philippe Chatrier ha ceduto per 46 64 61, dopo due ore e due minuti di partita, alla francese Alize Cornet, 29esima testa di serie (mai oltre il terzo turno nel torneo di casa), contro la quale aveva sempre vinto nelle quattro precedenti occasioni, comprese due sfide giocate sul rosso. Roberta si è complicata la vita nel primo set, che avrebbe potuto chiudere con largo anticipo (è stata avanti 5-2, ha avuto due set point sul 5-3 prima di aggiudicarselo al decimo gioco): nel secondo parziale Roberta si è anche trovata avanti 2-1 con il servizio a disposizione ma la francese ha infilato quattro giochi di fila (5-2), la Vinci ha avuto la chance del 5 pari ma Alize ha pareggiato il conto dei set. Nella frazione decisiva è emersa una certa stanchezza dell'azzurra, e forse un problema alla gamba destra, con la Cornet che ha chiuso con un rovescio vincente.

Domenica esordio positivo anche per Flavia Pennetta e Camila Giorgi. La 33enne brindisina, testa di serie numero 28, che a Parigi vanta gli ottavi del 2010, ha rispettato il pronostico battendo però con qualche sofferenza la polacca Magda Linette, 23 anni e numero 100 mondiale: 63 57 61 in due ore. Un match che Flavia, partita fortissimo (subito 4-0), sembrava controllare agevolmente e che si è complicato nel secondo set. Sul 5-3 l’azzurra ha servito per il match, ma ha ceduto quattro game di fila consegnando il parziale alla rivale. Brava e lucida la Pennetta a rimettere le cose a posto nel terzo e decisivo set: 61 senza rischiare più nulla. Al secondo turno attende la slovacca Magdalena Rybarikova, 26 anni e numero 57 della classifica. Due i precedenti, entrambi nel 2009, e bilancio in parità: vittoria della slovacca a Hobart e successo della Pennetta a New Haven, sempre sul cemento.

La Giorgi, numero 37 del ranking mondiale, ha sconfitto con il punteggio di 75 63 in un’ora e 29 minuti la tedesca Tatjana Maria, numero 75 Wta. La 23enne marchigiana è sempre stata in vantaggio: nel primo set è salita sul 2-0, poi sul 5-3, ma ha subito la rimonta della rivale che l’ha agganciata sul 5-5 anche grazie a qualche errore di troppo dell’azzurra, soprattutto di diritto. Brava Camila a non farsi condizionare e a chiudere il set sul 75. Meglio nel secondo parziale in cui la Giorgi è apparsa più sicura: 5-2, quindi 63 finale. Prossima avversaria la spagnola Garbine Muguruza, 21enne spagnola di origini venezuelana numero 21 mondiale, che al Roland Garros lo scorso anno raggiunse i quarti battendo Serena Williams. Camila ha vinto entrambi i precedenti: nel 2013 a Madrid sulla terra rossa e nel 2014 a New Haven sul cemento e sempre in tre set.

In tabellone ci sono altre due azzurre che esordiranno martedì. Il sorteggio peggiore è toccato a Karin Knapp, reduce dal secondo titolo Wta in carriera conquistato a Norimberga: la 27enne di Brunico, due volte al terzo turno sulla terra francese (2007 e 2008), ha infatti "pescato" subito la danese Caroline Wozniacki, quinta favorita del seeding (quarti nel 2010), avanti 2-0 nei precedenti, entrambi giocati però sul cemento. Giocherà martedì, come Francesca Schiavone, trionfatrice nel 2010 ed ancora finalista l’anno successivo, che trova la 23enne cinese Qiang Wang (nessun precedente). La 34enne azzurraè alla 59esima presenza consecutiva in uno Slam, record tra i giocatori e le giocatrici in attività.

federtennis.it